GESUITI educazione
fondazione delle scuole ignaziane
facebookTwitterGoogle+

Stonyhurst. Questo College è la mia seconda casa

Ogni anno un gruppo significativo di studenti della rete italiana Gesuiti Educazione, grazie al network internazionale delle scuole dei Gesuiti, frequenta il quarto anno di Liceo nel prestigioso College gesuita di Stonyhurst in Inghilterra. E' un elemento importante dell'apertura internazionale e delle opportunità offerte dalle nostre scuole. In questo articolo vi presentiamo il racconto di Carlo, studente dell'Istituto Sociale di Torino, che rilegge questi suoi primi sei mesi a Stonyhurst e condivide con noi la sua esperienza.

All’incirca in questo periodo dell’anno, durante lo scorso anno scolastico, presi una decisione che penso mi abbia cambiato molto la vita; decisi, cioè, di trascorrere il quarto anno di Liceo Classico nello Stonyhurst College della Compagnia di Gesù, un collegio nel Lancashire, che si trova in Inghilterra, in un bellissimo luogo fra il Lake District e lo Yorkshire.

Per essere ammesso a frequentare questa scuola dovetti sostenere un esame ad aprile a Torino presso l’Istituto Sociale, che è la mia scuola, che promuove il progetto di scambio tra l’Italia e Stonyhurst.

Non appena venni a sapere che ero stato ammesso a frequentare l’intero anno scolastico in Inghilterra ero entusiasta, non potevo credere che stesse succedendo tutto per davvero.

Ma, nonostante la mia felicità per la notizia e il mio entusiasmo per la nuova esperienza che mi attendeva, devo ammettere che ad agosto, al tempo di dover preparare le mie valigie, cominciai a provare dubbi, a sentire della tensione. Ero agitato, perché non avevo mai fatto un’esperienza del genere e soprattutto perché non sapevo realmente a cosa stessi andando incontro.

Appena arrivato al College, il primo di settembre, ciò che mi colpì maggiormente furono la serietà e la precisione con le quali erano stati organizzati e preparati gli eventi della prima settimana scolastica. Infatti, per l’inizio della scuola, erano state pianificate diverse attività in modo tale che noi studenti, insieme ai nostri genitori, potessimo venire a conoscenza dei progetti della scuola, del suo funzionamento, della scansione dei tempi, della posizione delle aule e della dislocazione dei vari ambienti, in quello che poteva sembrare un intrigante, talvolta monumentale labirinto di saloni, ingressi, corridoi e scale.

Questi primi giorni sono stati molto utili, sebbene pieni di eventi, incontri e riunioni di orientamento, così che dopo poco tempo tutto mi si è fatto più chiaro e ho cominciato a entrare in sintonia con il nuovo ritmo di vita. L’adattamento è stato reso ancora più agevole dal fatto che ogni singolo studente, in ogni periodo della giornata, si trova a avere un particolare impegno, che sia quello delle lezioni, dello studio, delle riunioni o della pratica delle attività sportive.

L’inserimento è risultato anche più semplice di quanto prevedessi anche grazie ai professori. Sono amichevoli, informali, cooperativi e sempre disponibili a aiutarti per risolvere qualsiasi problema, sia di carattere scolastico che morale. Penso che si arrivi quasi a instaurare un rapporto di amicizia tra studenti e professori, proprio dovuto alla vicinanza e all’impegno di questi secondi.

Ma i professori sono gentili e apprezzabili così come lo sono gli studenti e, in generale, tutti coloro che vivono e lavorano a Stonyhurst. Per questo motivo ambientarsi e fare amicizia è stato facile, e mi sto rendendo conto che si stanno creando forti legami che continueranno anche al termine di questa magnifica esperienza.

Sono passati alcuni mesi da quando sono arrivato per la prima volta a Stonyhurst, ma ormai considero questo College come una seconda casa, nella quale ho la certezza di trovare amici, di studiare con entusiasmo e di avere la sicurezza di avere professori pronti ad ascoltarti e ad aiutarmi.

Giorno dopo giorno sto imparando a mettermi in gioco, con autonomia e responsabilità, a fare tutto il possibile per eccellere, e penso che il momento del distacco da questo luogo per tornare in Italia sarà quasi più difficile di quello della partenza da Torino nell’estate del 2016.

LDS

Mappa

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni