GESUITI educazione
fondazione delle scuole ignaziane
facebookTwitterGoogle+

Una commissione economica per la FGE

Roma

07 Mar 2019

Lunedì 25 febbraio a Roma si è tenuta la prima riunione della nuova Commissione Economica della Fondazione Gesuiti Educazione, un gruppo di lavoro composto da professionisti ed esperti.

I componenti che sono stati nominati dal CDA sono: Massimo Cermelli, Alessia Fontana, Alberto Marini, Francesco Mengozzi, Edward Poulton, con il Presidente P. Jimmy Bartolo e il Direttore Guido Bigotto.

Questo gruppo di lavoro è stato istituito soprattutto per rispondere ad alcune necessità in relazione alla elaborazione di un piano di sostenibilità economica e finanziaria di rete di lungo periodo. Il fine è quello di giungere ad una situazione globale di equilibrio economico-finanziario, attraverso un utilizzo il più efficiente ed efficace possibile delle nostre risorse di rete.

Moltissimi passi sono già stati compiuti in questi ultimi anni per raggiungere un equilibrio economico-finanziario di lungo periodo delle nostre scuole, per riorganizzare, uniformare e implementare il sistema di gestione economico-patrimoniale, anche in una logica di “gestione apostolica” delle risorse.

Le Linee Guida per una Gestione Economica Apostolica, emanate dalla Fondazione nel luglio 2018, identificano le e linee ispiratrici anche di questo progetto: «Nel cammino di qualificazione ignaziana delle nostre scuole, la Compagnia, attraverso l’azione della Fondazione Gesuiti Educazione, considera elemento essenziale della stessa identità ignaziana anche quello di pratiche amministrative improntate alla giustizia, alla trasparenza, all’efficacia insieme economica ed apostolica.

Non si può non ricordare in questa introduzione il costante richiamo che Papa Francesco sta facendo ad una gestione dei beni ecclesiastici che esca da logiche di privilegio o di improvvisazione. Esiste una responsabilità nell’amministrare con cura, trasparenza e professionalità in vista della missione. Ne va della testimonianza stessa delle Chiesa.

Una citazione per tutte: “Occorre vigilare attentamente affinché i beni degli Istituti siano amministrati con oculatezza e trasparenza, siano tutelati e preservati, coniugando la prioritaria dimensione carismatico-spirituale alla dimensione economica e all’efficienza, che ha un suo proprio humus nella tradizione amministrativa degli Istituti che non tollera sprechi ed è attenta al buon utilizzo delle risorse”».

Le tematiche operative sulle quali la commissione si troverà a lavorare sono molte, ampie e diversificate: dalla fiscalità alla gestione efficiente della liquidità, dal fundraising all’evoluzione normativa del terzo settore, dalla gestione del patrimonio immobiliare al perseguimento di un equilibrio economico duraturo.

In sintesi, si tratta di assumere la prospettiva della Compagnia di Gesù in merito agli obiettivi che essa ha inteso darsi in relazione all’apostolato educativo e di ragionare sugli strumenti operativi migliori per raggiungere tali finalità, nel modo più efficace ed efficiente possibile. Si rende necessaria un’analisi delle scelte compiute finora, una valutazione dei punti di forza e debolezza dell’attuale sistema ed una proposta di eventuali percorsi diversi, finalizzati al raggiungimento degli scopi propri dell’attività educativa di rete.

Nel primo incontro del 25 febbraio, la Commissione ha iniziato a conoscere ed esaminare “il contesto”, la realtà della nostra rete, riflettendo sulla nostra identità, sulle peculiarità e sul nostro “modo di procedere”.

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni