GESUITI educazione
fondazione delle scuole ignaziane
facebookTwitterGoogle+

Una Giornata per la Terra

Roma

10 Set 2019

In questo breve saggio il prof. Olati dell'Istituto Massimo di Roma ha raccolto i brani più significativi delle autobiografie cognitive dei suoi studenti di Tecnologia di prima media che lo scorso anno hanno partecipato all’attività “Una Giornata per la Terra”, in linea con il lavoro portato avanti con la Fondazione Magis sui punti dell'action statement indicati dalla Compagnia di Gesù a livello mondiale.

Ecco di seguito il saggio e il percorso.

Prova a valutare ciò che hai fatto e come lo hai fatto per capire quanto hai appreso. Descrivi il percorso generale dell’attività.

Prima di affrontare questa attività facevo cose che adesso non farei, come: lasciare le luci accese quando non serve o sprecare oggetti che nel tempo avrei potuto riusare. Ma l’ho fatto perché non conoscevo le conseguenze e pensavo che non sarebbe successo nulla se avessi lasciato le luci accese per qualche minuto in più. Ma quando ho scoperto che cosa può succedere, ho iniziato ad impegnarmi al meglio per poter rimediare ai mei sbagli. All’inizio ho pensato di lasciar stare perché pensavo che una sola persona non può cambiare il mondo, ma poi ho pensato di e credo che con i miei compagni, la famiglia e i professori ci stiamo riuscendo, ma se e l’aiuto di altre persone e credo di essere maturato molto facendo questo percorso.

Dall’incontro con Legambiente ho appreso molte cose, per esempio che dovremmo tutti aiutare il mondo perché lo stiamo letteralmente distruggendo. Ho appreso che si può imparare anche ascoltando ciò che pensano gli altri. La mia presentazione riguardava l’Agenda 2030 che è formata da vari obiettivi e che appunto entro il 2030 dobbiamo realizzare, anche per quanto riguarda la fame e la povertà. Quindi mi sento maturata e cresciuta e ora sono più consapevole delle mie azioni. Sono molto contenta di questo progresso che ho fatto. Nel complesso abbiamo valorato molto bene e ci siamo divertiti tanto. Questo programma mi è piaciuto veramente tanto perché prima pensavo che Tecnologia fosse una materia inutile e noiosa mentre con il passare del tempo ho cominciato ad apprezzarla e a metterci un grande impegni e alla fine i risultati ci sono stati. Questa materia è molto particolare perché pensi che gli argomenti siano sempre gli stessi ma, secondo la mia opinione, ti fanno ragionare molto sulla situazione del nostro pianeta e quindi della nostra stessa vita.

Questo percorso che ho fatto è stato per me molto interessante. Adesso so che sta succedendo nel mondo e dobbiamo fare di tutto per salvarlo. Non sarà una cosa semplice ma se tutti collaboreremo questo sarà possibile. Devo ringraziare il prof. Olati per questo bellissimi percorso e spero che l’anno possono lo sia altrettanto.

 

Possedevi già conoscenze sull’argomento? Se si, quali?

Possedevo conoscenze di userò argomento solo da quando un giorno mio padre guardava il telegiornale e ho visto cosa stava succedendo al nostro pianeta de ero molto triste perché alla fine siamo noi che ci rimettiamo. Sapevo che la Terra era in difficoltà ma ora riesco a rifletterci in modo migliore. Sfortunatamente prima dell’attività sapevo solamente che il riscaldamento globale era causato da noi e che su di noi sarebbero cadute le conseguenze. I gas serra li avevo sentiti nominare ma non sapevo cosa fossero. Avevo già delle idee ma non erano chiare come ora. I nuovo argomenti che ho appreso sono stati fondamentali per la mia crescita. Sapevo che la plastica fosse inquinante ma non sapevo che fosse cosi pericolosa e ora mi pento per tutte le volte che mi è caduto qualcosa per terra: non lo faro più!

Scrivi almeno due elementi tra quelli che hai scoperto on questo lavoro che più ti hanno colpito.

I cambiamenti climatici: perché ora so che se non cambiamo, “moriremo di clima”; l’Agenda 2020. Il primo elemento che mi ha colpito è il problema della plastica perché è l’elemento che inquina si più perché è la materia più utilizzata. Il secondo è la deforestazione: mi ha colpito perché non sapevo che l’ossigeno provenisse dagli alberi ed è quindi molto importante. Mi ha colpito molto Greta Thunberg e del suo attivismo per la cura dell’ambiente: questa ragazza mi ha colpito per il coraggio che ha avuto davanti al mondo di parlare dell’ambiente perché questo è ambiente è ancora sottovalutato da molte persone.

Il secondo argomento che mi ha colpito di più è stato il riscaldamento globale perché mi ha fatto sentore come se tra poco accadesse una apocalisse. Come prima cosa la gravità di questo argomento, cioè di quanto siano grandi le emissioni dei gas serra e di quanti danni possano creare.

Trovo interessante il fatto che la deforestazione influisca sul riscaldamento globale. Mi ha colpito anche il fatto che un piccolo gesto, pur essendo piccolo, possa sal are la terra e di conseguenza l’umanità. Mi ha colpito che anche con piccolissimi sforzi possiamo rimediare a cose terribili.

Indica quali problemi hai dovuto affrontare e come li hai risolti.

All’inizio avevo delle difficoltà a capire gli argomenti di cui stavamo parlando ma con l’aiuto dei miei compagni ho cominciato a conoscere meglio e a capire cosa stavamo scoprendo. Se c’era una incomprensione con i compagni l’abbiamo superata rispettando le idee di tutti. Le difficoltà le ho superate studiando e concentrandomi più del solito. Inoltre, un paio di volte, c’era un po’ di confusione nel gruppo perché tutti parlavano sopra gli altri, ma questo lo abbiamo risolto grazie al nostro impegno e abbiamo imparato non solo ad ascoltare noi stessi ama anche ad avere rispetto degli altri perché è bello sapere cosa ne pensano gli altri.

 

Cosa hai imparato da questo lavoro?

Io, da questo problema, sono riuscito a capire la vera situazione del nostro pianeta. Infatti quando tutti dicevano “gas serra” io pensavo che fosse solo una sciocchezza mentre ora so che è una cosa seria. Ho imparato quanto sia importante l’ambiente e che bisogna rispettarlo come se fosse un figlio! Prima di tutto ho imparato cosa sono i “gas serra” e poi a lavorare in gruppo anche a distanza ed a scambiare opinioni costruttive.

Ho imparato soprattutto quanto sia importante prendersi cura dell’ambiente per garantire un futuro a noi e ai nostri figli. Ho imparato tutto sul riscaldamento globale e su come si lavora in gruppo.

Da questo lavoro ho imparato quanto la sostenibilità e la collaborazione globale tra gli uomini siano necessarie per la salvaguardia del pianeta.

 

Alla luce del lavoro svolto, considerando gli argomenti trattati e il metodo d lavoro proposto, cos’altro ti piacerebbe scoprire per arricchire le tue conoscenze?

Vorrei scoprire cos è accaduto nelle COP e cosa accadrà per capire meglio di che si parla. Vorrei chiarire l’effetto dei gas serra. Vorrei scoprire perché non tutti i Paesi del mondo partecipano all’Agenda 2030. Lavorando insieme si può raggiungere un obiettivo migliore.  Il metodo di studio applicato mi è piaciuto molto e non mi dispiacerebbe rifare un’attività del genere. Mi piacerebbe scoprire cosa c’è dopo. Vorrei scoprire se nel futuro i Paesi si impegneranno per rendere il mondo un posto meno inquinato. Penso che il metodo proposto sia ottimo per studiare e approfondire. Questo lavoro ha stimolato la mia curiosità verso i piccoli gesti che possiamo fare per aiutare la Terra.

Per arricchire le mie conoscenze vorrei andare a vedere e a provare la vita delle persone che non hanno una casa. Questo metodo di studio mi piace molto e mi piace anche il fatto a casa delle video lezioni perché a casa riesco a concentrarmi di più e riesco a prendere appunti con il metodo proposto dal professore.

Io vorrei scoprire cose sul mondo attuale e sul futuro del nostro pianeta, lavorando sempre con il metodo che abbiamo già usato in classe.